Sei in: Homepage > Notizie > Rassegna stampa
Data Iniziale
Data Finale
Sezione
Testo
  
Notizie

 
Pubblicato il 07/06/2021
Vaccinazione Covid: Manifestazione di interesse sul sito della Regione Abruzzo

Sarà attiva da domani mattina (5 giugno, ndr) la piattaforma regionale per le manifestazioni di interesse alla vaccinazione anti Covid 19 riservata ai donatori di sangue iscritti alle associazioni convenzionate con la Regione Abruzzo (Avis, Fidas, Ados Lanciano, Cri e Fratres) o in possesso di certificazione rilasciata dal proprio Servizio Trasfusionale di riferimento.

Lo comunica l’assessore alla Salute, Nicoletta Verì.

La manifestazione di interesse sarà aperta dalle ore 00.00 del 5 giugno fino alle ore 23.59 di giovedì 9 giugno, così da abilitare i donatori di sangue alla successiva prenotazione – dal 10 giugno in poi - sulla piattaforma Poste (come avvenuto per i maturandi) in una specifica categoria dedicata.

Le Asl saranno impegnate a vaccinare tutti i donatori iscritti nel sistema regionale nelle giornate del 14 e 15 giugno, con eventuale prosecuzione fino alla fine del mese. I punti vaccinali in cui si terranno le sedute riservate ai donatori di sangue, saranno stabiliti autonomamente dalle singole Asl, sulla base delle disponibilità e delle somministrazioni già fissate nelle diverse sedi.

“La campagna di vaccinazione – spiega l’assessore – prende l’avvio il 14 giugno in concomitanza della Giornata Mondiale del donatore di sangue promossa dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, dal Ministero della Salute e dalle Regioni, in collaborazione con le Organizzazioni di donatori di sangue. Il significato di questa iniziativa è legato alla necessità di garantire i maggiori livelli possibili di sicurezza dei donatori di sangue e rafforzare le attività di donazione in corso di pandemia, anche in previsione del calo che in genere si registra nel periodo estivo e del contestuale aumento dei consumi trasfusionali che si sta verificando a seguito della ripresa delle attività di ricovero ordinarie”.

La manifestazione di interesse potrà essere inserita collegandosi all’indirizzo sanita.regione.abruzzo.it. Al momento dell’iscrizione, oltre al codice fiscale e a quello della tessera sanitaria, andranno inseriti i dati che identificano il soggetto come donatore di sangue attivo (dati tessera di iscrizione alla propria Associazione o certificazione rilasciata dal proprio Servizio Trasfusionale di riferimento) seguendo le indicazioni riportate nella piattaforma...

L'articolo è consultabile interamente sul sito della Regione Abruzzo al link sotto riportato.

Si allegano le istruzioni per la vaccinazione dei donatori di sangue.

 

Pubblicato il 28/05/2021
World Blood Donor Day 2021

Con grande entusiamo vi informiamo che è online il sito del World Blood Donor Day 2021. 

Scoprite il programma e tanti altri contenuti al link riportato sotto.

 

Pubblicato il 01/03/2021
Ad un anno dalla scomparsa di Aldo Ozino Caligaris, un evento per onorarne la memoria

Se tutti i donatori di sangue effettuassero una sola donazione di plasma all’anno, avremmo già da tempo raggiunto l’autosufficienza nazionale“, Aldo Ozino Caligaris.

Questa la citazione di Aldo dalla quale siamo partiti con l’intento di voler onorare la sua memoria. Per questo il 28 febbraio, ad un anno dalla prematura scomparsa di Aldo, invitiamo tutti a prenotare una donazione di plasma e a condividere l’invito con altri amici di dono.

Abbiamo creato un evento su facebook per coinvolgere più facilmente gli amici che da nord al sud Italia, passando per tutte le isole, già tendono il braccio in favore di chi ne ha bisogno. Sentiamo ancora forte l’invito di Aldo a non restare a guardare ma a fare la nostra parte per tutti quei pazienti che necessitano di terapie trasfusionali e di medicinali plasmaderivati. Che questo primo anno dalla sua scomparsa possa essere un incentivo in più per avvicinare anche chi, già donatore di sangue intero, non ha ancora mai effettuato donazioni in aferesi.

La scomparsa di Aldo è avvenuta il 28 febbraio, una giornata importante per chi necessita di medicinali plasmaderivati: la Giornata Mondiale delle Malattie Rare. Tra queste ricordiamo l’emofilia e le immunodeficienze primitive: alcune delle tante patologie rare che necessitano per l’appunto di medicinali emoderivati.

«Nell’ultimo anno il mondo è cambiato velocemente sotto tanti punti di vista e in un modo che mai avremmo potuto immaginare – commenta il Presidente Nazionale FIDAS Giovanni Musso -,  eppure non è cambiato affatto l’impegno di FIDAS nel tutelare il Sistema Trasfusionale italiano e la salute dei pazienti che necessitano di terapie trasfusionali. FIDAS ha proseguito il suo impegno nel solco tracciato da Aldo e proprio in sua memoria vogliamo fare ancora di più. Caro Aldo, vogliamo partire dalle tue parole di invito al dono affinché proprio in tua memoria molti di noi che ti stimavano e ti apprezzavano, in FIDAS e non solo, possano sperimentare questa tipologia di dono purtroppo ancora troppo poco conosciuta. Per tanti pazienti il dono del plasma è indispensabile e in tua memoria, vogliamo farci vicini a tutti i pazienti affetti da Malattie Rare e che necessitano di medicinali plasmaderivati. Grazie Aldo per averci trasmesso la passione per aiutare chi ha bisogno di noi. A tutti rivolgo il mio invito: vi aspettiamo su facebook per aiutarci a condividere l’evento, e soprattutto vi aspettiamo presso i centri di raccolta». 

 

Ai link sotto riportati è possibile consultare l'articolo pubblicato sul sito Fidas e l'evento creato su Facebook

 

 

 

 

Pubblicato il 15/02/2021
Vaccino anti-Covid per i donatori e il personale associativo: le risposte del Ministero

Il gesto solidaristico dei donatori di sangue è essenziale ai fini degli obiettivi del Sistema Sanitario Nazionale, per questo i donatori di sangue potranno essere sottoposti a vaccinazione anti-Covid in una fase successiva rispetto alle categorie già individuate quali prioritarie, ovvero: operatori sanitari, personale ed ospiti dei presidi residenziali per anziani, persone di età avanzata e persone con più di una patologia clinica pregressa, immunodeficienze e/o disabilità.

A comunicarlo è il dottor Giovanni Rezza, Direttore Generale della Prevenzione del Ministero della Salute, che ha scritto oggi alle Associazioni e Federazioni del dono del sangue ed emocomponenti e agli Assessori alla Sanità delle Regioni e Province autonome.

Il documento specifica anche la disponibilità del vaccino anti-Covid per:

  • il personale sanitario (medici ed infermieri) che svolge l’attività sanitaria di raccolta di sangue ed emocomponenti presso le Unità di raccolta sarà sottoposto a vaccinazione secondo le modalità già individuate per gli operatori sanitari operanti presso le strutture pubbliche o private.
  • gli operatori delle Unità di raccolta, i quali collaborano nella gestione dei donatori, possono essere assismilati alla categoria degli operatori da sottoporre prioritariamente a vaccinazione.

Giovanni Musso, Presidente Nazionale FIDAS, dichiara: «Esprimo grande soddisfazione per le risposte ottenute dal Ministero della Salute, che fanno seguito alle tre richieste scritte in maniera congiunta dal CIVIS, il Coordinamento Interassociativo Volontari Italiani Sangue. I donatori di sangue compiono un gesto fondamentale per la tutela di tante persone affette da patologie o che subiscono incidenti e traumi, che necessitano di trapianti o anche solo per le conseguenze legate al parto. Il vaccino sarà una doppia tutela, in primis per il donatore, di conseguenza per i sui congiunti, ma anche per assicurare le scorte di sangue necessarie per le terapie trasfusionali che avvengono quotidianamente. La scelta di poter vaccinare i donatori in maniera successiva al personale sanitario e alle persone più deboli è una scelta che dimostra consapevolezza del fondamentale ruolo rivestito dai donatori».

L'articolo è disponibile al link sotto riportato.

1 2 3 4 ...